Confessione, Viduy

Impareremo la preghiera del Vidduy  in cui confessiamo i nostri peccati usando la forma plural – insieme ad Am Israel

Unità Età : 9-11, 12-14

fonte

Ashamnu – ci siamo resi colpevoli; Bagadnu – abbiamo tradito; Gazalnu – abbiamo commesso furti ; Dibarnu dofi – abbiamo calunniato; He’evinu – abbiamo agito con perversione; V’hirshanu – Abbiamo fatto torto; Zadnu – abbiamo agito con presunzione; Hamasnu – abbiamo fatto violenza; Tafalnu sheker – abbiamo praticato l’inganno; Ya’atsnu ra –  abbiamo dato cattivi consigli ; Kizavnu – abbiamo detto falsità; Latsnu – siamo stati beffardi Maradnu – ci siamo ribellati; Niatsnu – siamo stati blasfemi;  Sararnu – Ci siamo ribellati; Avinu – abbiamo commesso iniquità ; Pashanu – abbiamo trasgredito; Tsararnu – abbiamo afflitto;  Kishinu oref – siamo stati ostinati; ; Rashanu – abbiamo agito in modo malvagio; Shichatnu – abbiamo agito in modo corrotto; Tiavnu – abbiamo commesso abomini; Ta’inu – abbiamo deviato; ; Titanu – abbiamo fatto deviare gli altri.

(Dal Machzor per Yom Kippur, rito Ashkenazita)

אָשַׁמְנוּ. בָּגַדְנוּ. גָּזַלְנוּ. דִּבַּרְנוּ דֹּפִי. הֶעֱוִינוּ. וְהִרְשַׁעְנוּ. זַדְנוּ. חָמַסְנוּ. טָפַלְנוּ שֶׁקֶר. יָעַצְנוּ רָע. כִּזַּבְנוּ. לַצְנוּ. מָרַדְנוּ. נִאַצְנוּ. סָרַרְנוּ. עָוִינוּ. פָּשַׁעְנוּ. צָרַרְנוּ. קִשִּׁינוּ ערֶף. רָשַׁעְנוּ. שִׁחַתְנוּ. תִּעַבְנוּ. תָּעִינוּ. תִּעְתָּעְנוּ

ndamentali per la programmazione

domande essenziali

  • In che modo posso crescere grazie al ciclo del calendario ebraico? 
  • In che modo le pratiche ebraiche riflettono i valori ebraici? 
  • In che modo l’idea che gli Ebrei festeggino ovunque le stesse feste e facciano le stesse preghiere mi collega alla comunità ebraica?

domande di contenuto collegate alle domande essenziali

  • Che ruolo ha l’espressione verbale nel processo di cheshbon nefesh (esame di coscienza) e di teshuvà (pentimento)?
  • Che responsabilità ho per le azioni commesse da altri?
  • Che difficoltà di incontrano nel processo di cheshbon nefesh e di teshuvà?

background per l’insegnante

Il Viduy o confessione fa parte della funzione mattutina quotidiana ma la maggior parte degli Ebrei la conoscono come parte della funzione di Yom Kippur. La preghiera è in forma di acrostico e i peccati compaiono secondo l’ordine alfabetico ebraico. Sorprendentemente, la preghiera è...

leggi ancora

Il Viduy o confessione fa parte della funzione mattutina quotidiana ma la maggior parte degli Ebrei la conoscono come parte della funzione di Yom Kippur. La preghiera è in forma di acrostico e i peccati compaiono secondo l’ordine alfabetico ebraico. Sorprendentemente, la preghiera è formulata alla prima persona plurale (noi abbiamo peccato), a sottolineare l’idea che “tutti gli Ebrei sono responsabili l’uno per l’altro”. Ogni individuo è responsabile non solo per le proprie azioni ma anche per quelle delle persone intorno a lui. La forma plurale ci ricorda che le azioni di un individuo spesso sono il risultato dell’influenza della società o della comunità in cui vive. Mentre recitano la preghiera, molte persone si battono il petto per esprimere simbolicamente il rimorso. Il formato fisso di una preghiera su un argomento così personale invita a una discussione sui vantaggi e sugli svantaggi della preghiera di routine in confronto alla devozione personale e alla preghiera spontanea.

apertura opzionale
per approfondire e discutere
suggerimenti per attività
per approfondire ulteriormente

Ascolta la preghiera del Viduy su Sito web di canti e preghiere – il sito presenta versioni e melodie di diverse comunità

Dopo esserti assicurato che gli studenti abbiano compreso la fonte, puoi discutere delle seguenti domande: 

  1. A Yom Kippur, una parte centrale del processo di cheshbon nefesh e del pentimento è la confessione dei peccati che abbiamo commesso nel corso dell’anno passato, insieme all’elenco dei peccati citati nella preghiera del Vidduy. Perché ci è difficile ammettere  i nostri peccati?
  2. Prova a spiegare perché la nostra tradizione ha deciso che confessare i nostri peccati a Dio sia una parte essenziale del processo di cambiamento. In che modo recitare questa preghiera può aiutare qualcuno nel suo processo di cheshbon nefesh?
  3. Soprendentemente, una preghiera su questioni così personali (i nostri peccati) compare al plurale (noi abbiamo peccato). Proponi una spiegazione. Che cosa pensi del fatto che la preghiera sia formulata al plurale?
  4. Che vantaggi possono derivare da una preghiera che segue una formulazione fissa e viene recitata da tutti? Quali sono gli svantaggi?  In che modo possiamo aggiungere un tocco personale alla preghiera fissa?
  5. Perché pensi che la persona che ha composto questa preghiera abbia scelto di scriverla in ordine alfabetico? Che messaggi stava cercando di trasmettere? (se gli studenti pregano regolarmente, puoi chiedere loro se conoscono altre preghiere che sono scritte in ordine alfabetico – come Ashrei o El baruch gadol de’à). Molti si battono il petto mentre recitano il Vidduy. Perché pensi che si sia sviluppata questa usanza? Pensa a un altro esempio di usanza ebraica in cui un atto simbolico esprime un’idea.Per studenti più grandi:
  6. La prima parola della preghiera è ashamnu – abbiamo trasgredito o siamo colpevoli. E’ la parola chiave per tutta la preghiera. Il sentimento di colpa è importante? In che modo la colpa può essere problematica?
  • Nel Vidduy ogni parola si riferisce a un’azione che è il prodotto di diversi fattori. Scegli una delle parole e componi una breve conversazione tra due persone che descrive un’azioni per cui hanno bisogno di esprimere rimorso (gli studenti possono solo disegnare le vignette senza lettere)
  • Componi un  Vidduy  moderno in ordine alfabetico. Puoi dividere la classe in gruppi e assegnare qualche lettera a ogni gruppo, Ogni gruppo deve pensare a parole che iniziano con la lettera assegnata.
  • Guarda la mostra Vidduy: il musical, create dall’artista israeliano Dov Abramson. Abramson ha inventato uno strumento musicale con 22 tasti su cui ha inciso le parole chiave del vidduy. Ha commentato che la sua creazione avvia un dialogo con il tono ascendente usato per cantare la preghiera, che sembra contraddire il carattere serio e difficile delle parole. Abramson offre una spiegazione per questo paradosso sotto forma di una storia:
  • C’era una volta un falegname che cantava il Vidduy con una melodia gioiosa. Quando la gente gli chiedeva perché, rispondeva: “ Quando una persona rompe un utensile di valore, è comune che canti gioiosamente mentre è impegnato nella sua riparazione, poiché nulla uguaglia la meravigliosa gioia della riparazione.”
    Abramson aggiunge che lo strumento si suona in modo da fare venire in mente il battito del pugno sul cuore – il gesto che riflette la meravigliosa gioia della riparazione.
  • Leggete insieme la poesia Buon anno, Ruti diDalia Bar-El. La poesia esplora i modi in cui esprimiamo il rimorso.
  • Studiate l’unità Chiedere perdono, che sottolinea il bisogno di chiedere scusa al prossimo, e non soltanto a Dio.
  • E’ importante sapere come si chiede scusa e esprimere il rimorso, ma è importante anche sapere come si perdona. Puoi studiare la lezione di Maimonide “una persona non deve essere crudele e rifiutarsi di fare la pace,” nonché il brano tratto da il romanzo di Chaim Potok I prescelti.  
  • Guarda il ritratto Ebrei che pregano nella sinagoga di Yom Kippur by Maurycy Gottlieb (o in  alternativa l’opera di  Oppenheim’s Yom Kippur Eve). L’artista si ritrae in diverse fasi della sua vita nel ritratto. Che significato trasmette?
  • Nella preghiera Al Chet compare una versione più lunga della preghiera (“For the Sin“),nota anche come  Havidduy Hagadol o La Grande Confessione. Ecco un  contemporary version di questa preghiera con parole che sono pertinenti ai nostri tempi.