Shabbat – Tempo per contemplare da capo

Lo Shabbat offre un’opportunità di riposare dal trambusto della settimana e per avere una visione fresca della nostra vita. Studieremo un testo di Rabbi Mordechai Kaplan a proposito di questo aspetto dello Shabbat.

Unità Età : 12-14

fonte

Un artista non può fare lavorare continuamente il suo pennello. A volte deve fermare il suo dipinto per rinfrescare la sua visione dell’oggetto, il cui significato desidera esprimere sulla tela. Anche vivere è un’arte. Lo Shabbat rappresenta i momenti in cui facciamo fermare il pennello per rinnovare la nostra visione dell’oggetto. Dopo averlo fatto possiamo dedicarci al nostro dipinto con una visione chiarificata e un’energia rinnovata”

Rabbi Mordecai M. Kaplan, The Meaning of God in Modern Jewish Religion. p. 59

ndamentali per la programmazione

domande essenziali

  • In che modo posso crescere grazie al ciclo del calendario ebraico?
  • In che modo i rituali e le pratiche ebraiche arricchiscono il modo in cui vivo la mia vita e il mondo?

domande di contenuto collegate alle domande essenziali

  • In che modo lo Shabbat ci permette di avere uno sguardo rinnovato sulla nostra vita?
  • Che contributo dà lo Shabbat agli altri giorni della nostra vita?

background per l’insegnante

Nel tumulto della vita nel corso della settimana può essere difficile fermarsi e dare un’occhiata alla nostra vita. Quando cogliamo l’opportunità di riposare emergono domande profonde. Allora, possiamo fare una pausa e interrogarci sul percorso che stiamo intraprendendo, sulle azioni e sui pensieri che...

leggi ancora

Nel tumulto della vita nel corso della settimana può essere difficile fermarsi e dare un’occhiata alla nostra vita. Quando cogliamo l’opportunità di riposare emergono domande profonde. Allora, possiamo fare una pausa e interrogarci sul percorso che stiamo intraprendendo, sulle azioni e sui pensieri che ci guidano, sui nostri desideri nascosti e sulle speranze che ci spingono. I commenti di Rabbi Mordechai Kaplan suggeriscono che Shabbat offre un’opportunità di prenderci il tempo dalla routine settimanale allo scopo di riposare e di riflettere sulla nostra vita. Rabbi Kaplan spiega questa idea attraverso la metafora dell’artista. Ogni tanto l’artista si ferma e non termina un intero dipinto in una sessione. Prendersi una pausa durante il processo creativo permette all’artista di dare un’occhiata fresca al proprio lavoro, identificando i cambiamenti che devono essere fatti e tornando all’opera con energia rinnovata.

Rabbi Mordechai Kaplan (1881-1983) è stato il fondatore della corrente Ricostruzionista dell’Ebraismo. Come pensatore ha avuto un impatto profondo sull’Ebraismo americano del ventesimo secolo; egli non vedeva l’Ebraismo solo come una religione, ma anche come una cultura e una società. Le sue opere scritte filosofiche e la corrente religiosa che ha stabilito hanno avuto un impatto anche al di fuori degli Stati Uniti.

apertura opzionale
per approfondire e discutere
suggerimenti per attività
per approfondire ulteriormente

Chiedi agli studenti di rispondere a domande di riflessioni riguardo alla settimana scorsa. Ad esempio:

  1. Parla di un evento significativo o speciale che è successo la scorsa settimana.
  2. Scrivi di un episodio sgradevole che è successo la settimana scorsa e spiega come lo hai affrontato.
  3. Che cosa vorresti che accadesse la prossima settimana? Descrivi il modo migliore possibile in cui potrebbe evolversi la settimana prossima.

(Raccomandiamo di chiedere agli studenti di rispondere in modo interattivo, come coppie in cui si pensa e si condivide, coppie di Chavruta).

Chiedi agli studenti se si sono mai posti prima domande di questo tipo. Parla delle opportunità in cui la gente tende a farsi domande sulla propria vita e pensa se di solito abbiamo tempo per questo tempo di domande nel corso della settimana.

  1. Spiega la metafora che Rav Kaplan usa per lo Shabbat con le tue parole.
  2. Perché un artista ha bisogno di fermarsi ogni tanto per contemplare il proprio lavoro? Che cosa possiamo imparare da questo sull’importanza della pausa di tempo che lo Shabbat ci offre?
  3. Pensi che sia importante fermarsi di tanto in tanto per pensare alla propria vita? Perché? 
  4. Che cosa rende lo Shabbat una buona opportunità di fermarsi e dare un’occhiata fresca alla nostra vita?
  5. Secondo Rav Kaplan, in che modo lo Shabbat esercita un’influenza su di noi quando torniamo alla vita di routine? Che impatto ha nella tua esperienza? 
  6. In che modo puoi aumentare l’impatto che Shabbat ha sulla tua vita? Fai alcuni esempi.
  7. In che modo Shabbat può contribuire al modo in cui vediamo le nostre azioni, i nostri comportamenti, le nostre esperienze e i nostri pensieri nel corso della settimana?
  • Di Venerdì, chiedi agli studenti di pensare a una difficoltà, a una sfida o a qualcosa che li ha disturbati nel corso della settimana scorsa. Potrebbe essere nella vita sociale o a scuola. Chiedi loro di scriverlo su un pezzo di carta che poi piegheranno, in modo che il testo sia nascosto. All’inizio della settimana, chiedi loro di riguardare ciò che avevano scritto e di pensare se la pausa dello Shabbat ha avuto un impatto sul modo in cui vedono la questione. Chiedi agli studenti che sono disposti a farlo di condividere i propri pensieri con la classe.
  • Produci una tua metafora per la riflessione che lo Shabbat facilita (una metafora diversa a quella che ha offerto Kaplan, ma che trasmette la stessa idea. Prepara uno SKIT in cui viene presentata una conversazione tra Rav Kaplan e un membro della sua comunità che non contraddistingue lo Shabbat in alcun modo e usa la metafora che hai suggerito.
  • Gioca a Due bugie e Una verità con gli studenti. Nel gioco, gli studenti devono presentare esempi di momenti in cui hanno sentito che il “tempo” li ha aiutati a migliorare qualcosa, ha condotto a un cambiamento positivo in un processo in cui erano impegnati o ha dato loro un lampo di visione. Almeno una delle storie deve essere collegata con Shabbat.
  • Studia il brano della  Genesi che parla dello Shabbat come giorno di riposo per Dio dopo i sei giorni della Creazione (questa unità è indicata dalla quinta elementare in su). Seguendo i commenti di Rav Kaplan, pensa ai giorni della Creazione come opera d’arte. In base a questi commenti, come possiamo interpretare il riposo di Dio? Pensi che anche Dio pensi a ciò che ha fatto e si chieda se è soddisfacente o se bisogna cambiare qualcosa nella Creazione?
  • Studia l’ Heschel’s in cui lo Shabbat viene descritto come un’isola di calma in un mare in tempesta. In che modo Heschel intende il riposo dello Shabbat? In quali modi la sua percezione è simile o diversa dall’idea dello Shabbat come opportunità per una riflessione nuova? È possibile che una di queste idee esistano l’una senza l’altra?
  • Studia l’verses from Exodus che riguarda l’osservanza dello Shabbat. Secondo questi versi, l’osservanza dello Shabbat vale ugualmente per tutti, compresi gli schiavi e i gherìm (residenti non ebrei). Persino agli animali deve essere permesso di riposare a Shabbat. Parla dell’importanza della riflessione rinnovata riguardante i rapporti gerarchici che esistono nel corso della settimana e rifletti sull’idea che lo Shabbat offra un’opportunità di equilibrio e uguaglianza all’interno del sistema una volta alla settimana.
  • Per studenti più piccoli: racconta la storia del regalo basata sui commenti di Rabbi Kaplan.
    Discussione:
    – Perché pensi che i tentativi di Noam di affrontare le difficoltà che ha incontrato nel dipingere non siano riusciti? Che cosa avrebbe dovuto fare per risolvere il problema?
    – Che cosa è successo a Shabbat che ha aiutato Noam a vedere che problema c’era con il dipinto? In che modo ha visto il dipinto in modo diverso di domenica in confronto a venerdì?
    – In che modo lo Shabbat ci aiuta a riflettere sulle nostre azioni, sui comportamenti, sulle esperienze e sui pensieri nel corso della settimana? Perché?